In viaggio con Seconda Visione

Martedì 20 maggio 2008. Programma della gita.

1a tappa: In Bruges, di Martin McDonagh. Dimenticatevi la noia del Belgio: passate un paio d’ore con Colin Farrell e Brendan Gleeson!
2a tappa: Gomorra, di Matteo Garrone. Un viaggio duro, ruvido e pericoloso. Guida consigliata: il libro di Roberto Saviano.
3a tappa: Alla scoperta di Charlie, di Mike Cahill. Seguite Tommaso nel suo "duro mestiere" insieme a quel pazzeriello di Michael Douglas.

Ritrovo ore 22,30 negli studi di Via Berretta Rossa: per prenotarsi basta una mail a secondavisione@hotmail.com.

La redazione – tour operator

Nella foto: il pullman di Seconda Visione pronto a caricare i suoi ospiti.

Annunci

8 Comments

  1. Posted 18 maggio 2008 at 01:37 | Permalink | Rispondi

    ma perchè Tommaso ogni volta che evoca Colin Farrell deve per forza accompagnarne il nome con quell’epiteto che pare farlo divertire come un bambino?

  2. anonimo
    Posted 18 maggio 2008 at 15:26 | Permalink | Rispondi

    Intendi il torello di Dublino? Perchè è un vecchietto…lasciagli le sue soddisfazioni…
    pap

  3. anonimo
    Posted 19 maggio 2008 at 16:36 | Permalink | Rispondi

    Ma non era “il tArello di Dublino”? Speriamo perchè anche a me fa morire dal ridere quando lo sento (credendo appunto di sentire l’epiteto fallico) :D
    torello sarebbe meno divertente :)

    Tra l’altro sono un fan di Colin, è troppo un tamarro :D

    genna

  4. Posted 19 maggio 2008 at 18:09 | Permalink | Rispondi

    Infatti è il “tarello di Dublino”, e questo ci porta a chiamare il nostro beniamino “Colin Tarrell”.
    Tom

  5. Supersoul
    Posted 20 maggio 2008 at 01:10 | Permalink | Rispondi

    wow che finezza.

  6. anonimo
    Posted 20 maggio 2008 at 11:29 | Permalink | Rispondi

    perchè tarello è epiteto fallico?

  7. Supersoul
    Posted 20 maggio 2008 at 18:29 | Permalink | Rispondi

    anonimo n.6, ti ha detto niente la mamma?
    Comunque: ma possibile che non ci fosse niente di piu’ interessante da mettere in scena della storia fra Osvaldo Valenti e la Ferida? ma come siamo messi? Duro Mestiere:fisso.

  8. anonimo
    Posted 20 maggio 2008 at 19:23 | Permalink | Rispondi

    sono la papessa, super…no la mamma non mi ha detto nulla, scusa l’ignoranza…:)

Pubblica un Commento

Required fields are marked *

*
*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: