2011 Academy Award: due commenti a caldo

Che poi non è che uno può dire che Il Discorso del Re sia un brutto film, ci mancherebbe altro, eppure c’abbiamo un po’ l’amaro in bocca. In primo luogo perché ci sta l’Oscar a Colin Firth, ci sta quello alla sceneggiatura e pure quello come miglior film (cioè, se ne può discutere, ma ci sta). Ma quello che ci stiamo chiedendo un po’ tutti in questo momento è: ma chi cavolo è Tom Hooper? Chi è il miglior regista dell’anno secondo l’Academy? Ha fatto un bel po’ di roba per la televisione (tra le altre cose, EastEnders) e ha firmato due filmetti anonimi come Red Dust e The Damned United. Non brutti, per l’amor di dio. Ma comunque la si voglia mettere, filmetti. Ripetiamo, Il Discorso del Re non è un brutto film. Ma è un film prevedibile, un po’ datato in partenza e poco emozionante. Non pensate subito a un commento tatangeliano: The King’s Speech vorre tantissimo emozionare, ma secondo me ce la fa poco. Rimangono di più negli occhi gli interni, i cappotti, la glacialità di Helena Bonahm Carter, la bravura di Goeffrey Rush e di Firth. Il resto è un po’ prassi. Un buon film che vedrem,o in prima serata su Rai Uno appena possibile. E che soprattutto registicamente non ha assolutamente nulla di eccezionale. Eppure ha trionfato in questa 83° edizione degli Oscar. Edizione piuttosto prevedibile: Natalie Portman miglior attrice, grandi premi tecnici a Inception, Miglior attore non protagonista a Christian Bale, sceneggiatura non originale a Sorkin, miglior film d’animazione a Toy Story 3 e colonna sonora a Trent Reznor & Atticus Ross (strano vedere Trent al Kodak Theatre, eh)?. Insomma, bene poche sorprese. Unica soddisfazione le zero statuette a Danny Boyle. A secco anche i Coen. Non male l’accoppiata Anne Hataway e James Franco. La più bella in sala, se chiedete a me, Mila Kunis. Anche se Cate Blanchett è sempre bellissima. Nel momento In Memoriam sono stati ingiustamente dimenticati Corey Haim, Maria Schneider e Satoshi Kon. A tra poco, con la proclamazione del vincitore del Ratigher.

UPDATE: La cosa più bella della serata!

E ancora, grazie a Kekkoz.

3 Comments

  1. Posted 28 febbraio 2011 at 09:15 | Permalink | Rispondi

    io avevo scommesso su DAVID FINCHER come miglior regista…
    ma càpita spesso che l’oscar al miglior film si TRASCINI dietro l’oscar alla regia

  2. Posted 28 febbraio 2011 at 10:56 | Permalink | Rispondi

    Mi può andar bene tutto, ma Kynodontas e Biutiful sorpassati a destra da Susanne Bier, NO!

  3. Seppia
    Posted 4 marzo 2011 at 19:37 | Permalink | Rispondi

    D’accordo su tutto, l’unica remora è quel 0 oscar a Il Grinta, che meritava per la fotografia, rubata da Inception.

One Trackback

  1. […] dei film, abbiamo commentato e riassunto la serata di consegna dei premi Oscar. Abbiamo anche fatto i complimenti a Lorenzo, il vincitore del nostro concorso. Lorenzo, fatti vivo […]

Pubblica un Commento

Required fields are marked *

*
*

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: