La rassegna stampa del sabato

Autori ed esercenti. Inedita convergenza a Hollywood tra registi di primo piano ed esercenti cinematografici, d’accordo nel criticare l’ipotesi di abbreviare i tempi per il passaggio dei film dalla sala al mercato on demand.

Figli d’arte. Una notizia per consolare chi pensa che in questo paese abbiamo l’esclusiva del nepotismo: Jack Osbourne, figlio dell’imprescindibile Ozzy, voce storica dei Black Sabbath, si prepara al debutto da regista cinematografico. Titolo della pellicola? Facile: Black Sabbath. La buona notizia, in realtà, è che non è un remake di I tre voldi volti della paura.

C’era una volta Cecchi Gori. Il tramonto dell’ex impero Cecchi Gori pare non avere mai fine. Proprio oggi chiudono a Firenze due sale storiche, il Fiamma e il Principe. Sempre meglio che finire in serie C2, ma nemmeno tanto.

Volevamo essere Dagospia. Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, attraverso la direzione generale cinema e il suo responsabile Nicola Borrelli, dirama questo utile resoconto sull’ammontare e la distribuzione dei sostegni pubblici alla produzione cinematografica. Le prime due pagine, firmate proprio da Borrelli, spiegano che lo Stato italiano interviene a sostegno della produzione nazionale addirittura dal 1927, che oggi lo fa sulla base di un preciso mandato costituzionale e che anche nei superliberisti USA esistono forme di supporto statale al cinema. Saremo maliziosi noi, ma è difficile non vedere in queste precisazioni un altro episodio dello scontro Galan-Brunetta.

Aronofsky a Venezia. Uno degli storici idoli polemici di SV, anche se con il Cigno nero ha incrinato le certezze di alcuni, va al Festival di Venezia. Come presidente di giuria.

A me comunque Tano da morire mi era piaciuto. Ci sono film che noi di SV spesso perdiamo per strada, un po’  per pigrizia, un po’ perché siamo dei fighetti, un po’ perché le giornate durano comunque 24 ore. Fortunatamente c’è chi, come Marnie di Sushiettibili ci aiuta a evitare il nuovo, a quanto pare evitabile film di Roberta Torre.

Pubblica un Commento

Required fields are marked *

*
*

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: