Disoccupato in affitto, di Luca Merloni e Pietro Mereu, 2011

Pietro Mereu ha 38 anni, è sardo e abita a Roma. Ha lavorato nell’ambito della comunicazione, ma da otto mesi non ha un lavoro. Decide così di indossare un cartello che lo identifica come “disoccupato in affitto” e di cercare lavoro in giro per l’Italia, attraverso nove città del Paese.
Questa, in breve, la struttura di Disoccupato in affitto, il documentario di Luca Merloni e Pietro Mereu: un’ora e un quarto no budget per raccontare solo in maniera marginale la storia di Pietro e della ricerca di un’occupazione. Nelle strade di Roma, Firenze, Lecce, Cagliari, Genova, Bologna, Verona, Napoli e Milano, infatti, i due autori fanno emergere le diverse concezioni di lavoro, da parte di chi ce l’ha e di chi l’ha perso, di chi vorrebbe darlo ma non trova candidati; ma, molto spesso, si limitano ad ascoltare e riportare le reazioni dei passanti a quest’ennesima disperata versione di uomo-sandwich. La figura del “cartellone deambulante” e tutto ciò che ne deriva non è marginale del film, che infatti viene attraversato da una breve ed efficace storia dell’uomo sandwich dalla prima dickensiana comparsa ad oggi, resa con illustrazioni e disegni.
Non è facile giudicare il documentario, simile a un’inchiesta giornalistica, errante e privo di tesi per natura: è un documento interessante di quello che stiamo vivendo, montato in maniera efficace e gestito ottimamente dal punto di vista della messa in scena e della forma del racconto. Si sente l’urgenza e la voglia di raccontare degli autori che, nonostante qualche ingenuità (come qualcuno dei cartelli sul finale) permettono di percepire in maniera sincera almeno parte degli umori di un Paese di fronte a una crisi economica che vivremo, con ogni probabilità, per molti anni.

Nella puntata di martedì di Seconda Visione abbiamo intervistato in diretta Pietro Mereu.

Pubblica un Commento

Required fields are marked *

*
*

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: