Dammi solo un minuto: KIller Joe

“Dammi solo un minuto” è una rubrica del programma radio Seconda Visione. Durante la puntata chiediamo agli spettatori di scegliere (via mail o sms) uno dei conduttori per fargli riassumere in un minuto trama e giudizio di uno dei film in scaletta.

Alla terza puntata scaturisce finalmente il vostro odio e lo declinate in forma completamente inedita: ci avete sfidato a parlare in due di un film, Killer Joe di William Friedkin. Francesco alla trama, Tommy al giudizio.

4 Comments

  1. icittadiniprimaditutto
    Posted 17 ottobre 2012 at 12:47 | Permalink | Rispondi

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. Cesare
    Posted 18 ottobre 2012 at 06:27 | Permalink | Rispondi

    Cari amici, se non vi piace nessun film ( e su molti mi sembra siate in nettissima minoranza) forse è il segno che state facendo da troppo questa trasmissione.
    Provate ad occuparvi di calcio, di cucina, di economia, il vostro stile é sempre godibile i contenuti non piú.

  3. tommy
    Posted 18 ottobre 2012 at 14:43 | Permalink | Rispondi

    Caro Cesare, il Cinema è bello perché soggettivo! In dodici anni SecondaVisione (e tutti i membri che si sono alternati al blog e alla conduzione), ha sempre cercato di avere una visione a 360° gradi su tutto, spesso esaltando film bistrattati, spesso con il coraggio anche di stroncare film incensati. Il tutto senza pregiudizi e con la massima libertà, sempre cercando di argomentare e condividere il proprio giudizio, positivo o negativo, e sul quale è ovvio si possa dissentire. Penso invece non si possa obiettare sulla sincerità e la passione che sempre ci ha mosso e sempre ci muoverà, sempre sperando di riuscire a trasmetterla. Certe volte ci riusciamo, altre volte no. Per questo temo non ci occuperemo mai di calcio, cucina o economia. A presto

  4. Cesare
    Posted 18 ottobre 2012 at 20:19 | Permalink | Rispondi

    Gentile Tommaso, innazitutto scusami per il tono del commento che rileggendolo adesso è veramente sprezzante.
    Sono d’accordo sulla soggettività del cinema, peró pur adorando la vostra trasmissione, da un pó di tempo non riesco piú a sintonizzarmi con voi ed i vostri giudizi, é ovvio che si possano avere opinioni differenti, ma non credo che sia questo il punto, quanto certi automatismi da critico professionale.
    Magari più semplicemente sono cambiato io, Diciamo che mi dispiace molto non sentirmi piú parte dei vostri affezionati ascoltatori.
    Saluti

Pubblica un Commento

Required fields are marked *

*
*

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: