Tag Archives: thriller

Con gli occhi dell’assassino, Guillem Morales, 2010

La prima annotazione riguarda il titolo storpiato dall’originale, com’è costumanza dei distributori italiani. Una scelta piuttosto irritante (il popolo bue dev’essere preso per mano e indirizzato dalla parola “assassino” sennò non va al cinema? Ditemi che non è così) dal momento che scegliendo il titolo Con gli occhi dell’assassino come traduzione per Los ojos de Julia […]

L’anno che verrà – Winter Edition 2011

Buon anno a tutti: ecco per voi l’ormai classico appuntamento col pregiudizio. Di seguito il rischioso elenco dei film che, con ogni probabilità, non vedremo per voi, con tanto di trailer. Tornatore Maciste vitae Basilicata, 1964. Un ragazzino ama il cinema e in particolare i peplum con i forzuti. Vive in un paesino. Ci sono […]

Zombieland

Michael Jackson, ancora lui: è il morto che ha guadagnato di più quest’anno, e non lo si lascia proprio in pace. E’ uscita ieri la notizia che Kenny Ortega, già regista di This Is It, vuole trarre un film (un lungometraggio) dal video di “Thriller”, quindici minuti girati da John Landis, non so se mi […]

Fear Itself – seconda parte

Dopo la prima parte, ecco gli altri sette mediometraggi horror dell’antologia creata da Mick Garris per la NBC. Cliccate sotto l’immagine e concludiamo la disamina, senza prenderci troppo sul serio, eh, come prima. Al solito, sul sito ufficiale potete vedere in streaming tutti gli episodi.

L’uomo nell’ombra, Roman Polanski, 2010

Roman Polanski, come altri grandi registi, ha sempre avuto un rapporto particolare con i generi: senza arrivare alle vette di Kubrick è però (quasi) sempre riuscito a reinterpretarli in maniera personale, raggiungendo picchi come Rosemary’s Baby e affossamenti come Pirati. In questo caso il regista si rifà (pare in maniera molto precisa) al romanzo di […]

Pensione paura, di Francesco Barilli, 1978

Francesco Barilli, chi era costui? E’ lo stesso regista che, quattro anni prima di questo Pensione paura, ci aveva donato il non banale Il profumo della signora in nero. Anche in questo caso, si ripetono i tratti distintivi di Barilli: – una sceneggiatura lenta, ma che poi, dopo uno spin preciso, impazzisce del tutto; – […]